Home » Sessualità » Pornografia online

Pornografia online

Nell’era di Internet e dei social network si corre sulle autostrade informatiche a grande velocità e con notevole padronanza. Si cerca musica, films, comunicazione di gruppo, interazione. Si cercano anche informazioni sulla sessualità e ci si imbatte nella pornografia.

Ti sarà capitato navigando in rete, di cercare materiale pornografico e, spinto dalla curiosità, di ricercarlo in futuro grazie anche alla facilità di accesso e alla garanzia di anonimato. Questa attività virtuale, infatti, è disponibile nella privacy della propria stanza, non controllata da imposizioni familiari e dal giudizio altrui che possono limitare il proprio comportamento e anonima.

Le attività maggiormente praticate sono:

ñ  Guardare foto o video erotici

ñ  Leggere materiale sessuale

ñ  Utilizzare chat erotiche

ñ  Scambiarsi e-mail ed immagini esplicitamente sessuali

ñ  Condividere fantasie sessuali

ñ  ‘Esibirsi’ in diretta, grazie alla webcam, guardando e lasciandosi guardare.

L’utilizzo di materiale pornografico è molto più comune fra gli adolescenti maschi rispetto alle femmine ed è spesso ricercato come stimolo eccitatorio e masturbatorio e per poter acquisire informazioni sulle procedure sessuali e sulle manovre possibili da utilizzare poi nelle relazioni della vita reale.

Gli uomini sembrano ricorrere maggiormente alla visione solitaria di immagini e filmati e all’utilizzo di siti a contenuto erotico-sessuale; le donne, invece, ricorrono maggiormente alle chat-line e le chat-room, in cui predomina l’elemento di conversazione e di scambio.

 

 

Come può mettere a rischio la mia salute fisica?

L’utilizzo continuo e frequente del materiale pornografico on-line può incidere sulla salute causando a lungo termine uno stato di “assuefazione” comportando:

ñ  Un calo del desiderio sessuale

ñ  Problemi di erezione

ñ  Problemi di eiaculazione (precoce, ritardata, impossibile).

 

 

 

Come può influire sulla mia salute mentale?

La pornografia on-line può compromettere la salute mentale in vari modi:

ñ  Si può rimanere molto infastiditi o turbati da quest’esperienza

ñ  L’esposizione ad immagini sessuali violente senza tenerezza e affetto può costituire un fattore di rischio per lo svilupparsi di comportamenti aggressivi e violenti

ñ  L’utilizzo di questo tipo di attività fornisce un’immagine irrealistica e distorta della sessualità e del rapporto uomo/donna “senza ostacoli” e “senza responsabilità” che può influenzare in maniera negativa le mie opinioni e i miei comportamenti futuri

ñ  Spendere tempo ed energie in questo mondo erotico virtuale, può causare isolamento e allontanamento dalle relazioni reali, e può avere ripercussioni negative sul rendimento scolastico o professionale.

 

 

Può creare dipendenza?

 

Sì, può creare dipendenza. Vi sono una serie di indicatori fondamentali per aiutare a capire se il comportamento è diventato problematico:

 

ñ   L’utilizzo di materiale pornografico on line e/o la partecipazione a chat erotiche diventano un pensiero e un bisogno costante nella quotidianità determinando chiusura ed isolamento dal mondo esterno

 

ñ  Il tempo dedicato on line diventa sempre più lungo e vengono ricercate, giorno dopo giorno, esperienze sessuali sempre più intense e rischiose

 

ñ  Si manifestano stimoli di astinenza in caso di sospensione o di riduzione forzata, per esempio si diventa agitati o irritabili quando si cerca di autocontrollarsi o fermare la pratica del sesso on line

 

ñ  Aumentano i conflitti interpersonali e relazionali dovuti all’uso continuativo di Internet.

 

 

Cosa posso fare per controllare l’utilizzo di materiale pornografico su Internet?

 

Se ritieni che il tuo comportamento stia diventando un problema chiedi subito aiuto e parlarne con qualcuno.

 

Alcune persone possono ridurre o interrompere il tempo trascorso su internet da sole, ma se non ci riesci è importante parlarne con qualcuno, con un genitore, con un amico di cui ti fidi, o con consulenti specialisti di Esplosivamente che possono sostenerti in questo percorso.

 

 

A.I.