Chatta con noi

Parla con i nostri esperti. Vedi gli orari >>

i nostri servizi

Scopri i servizi a te dedicati >>

A scuola di distanza

A scuola di distanza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

La scuola post lockdown è cominciata e ancor prima di iniziare non sono mancate valanghe di discussioni e comunicazioni sulle regole da seguire.

Per qualcuno sono arrivati i banchi monoposto per altri sono in arrivo, ma la regola principale è essere schermati, igienizzati e soprattutto “mantenere le distanze” !

Guai se un alunno chiede in prestito una penna o un foglio dimenticato, per non parlare poi della merenda!

In quanto professore ti trovi a dover mettere in pratica tutta una serie di strategie per far rispettare le regole del distanziamento, ma allo stesso tempo senti di togliere qualcosa di importante ai tuoi alunni: la possibilità di condividere.

Non poter condividere o toccare l’altro ha effettivamente delle ripercussioni sulle relazioni e quindi sullo stato di benessere individuale. Quando condividiamo infatti oltre a condividere l’oggetto condividiamo le emozioni che questa condivisione determina. La risposta emotiva ad una condivisione è portatrice di benessere così come lo è spesso il toccare l’altro.

Condividere o toccare e stare vicino ad un altro permette infatti di:

  • Consolidare il legame con l’altro e/o il senso di appartenenza al gruppo.

  • implementare la comunicazione

  • esplicitare le emozioni

Mai come durante l’adolescenza si ha bisogno del corpo per entrare in relazione dell’altro, dunque la sensazione di togliere qualcosa di importante non è poi così sbagliata.

 Come uscirne dunque?

La soluzione non è chiudere un occhio di fronte ad un abbraccio o permettere la condivisione di una merenda ( pena la condivisione di “cose” indubbiamente meno piacevoli) ma dare invece ampio spazio alla condivisione di pensieri ed esperienze. Favorire la strutturazione di spazi e lavori in cui diventi centrale la condivisione di pensieri. Condividere opinioni in un contesto protetto è infatti una strategia sostitutiva che può aiutare i ragazzi a sentirsi meno distanti, almeno emotivamente, dall’altro.

Aiutare i ragazzi in questo lavoro di condivisione “ a distanza” li aiuterà a sentirsi parte del gruppo , a sentirsi più vicini fino a quando non potranno tornare serenamente a darsi il cinque o, meglio ancora a tenersi serenamente per mano.

C.P.