Chatta con noi

Parla con i nostri esperti. Vedi gli orari >>

i nostri servizi

Scopri i servizi a te dedicati >>

Disturbo da Alimentazione Incontrollata

Disturbo da Alimentazione Incontrollata

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono complesse malattie mentali che portano, chi ne è affetto, a vivere con l’ossessione del cibo, del peso e dell’immagine corporea. 


Quando si parla di disturbi alimentari, quello che viene subito in mente ha a che fare con l’anoressia, la bulimia e l’obesità, quindi con un comportamento alimentare caratterizzato o dalla restrizione (il regime alimentare con un ridotto apporto calorico delle anoressiche) o dalle condotte di eliminazione (il vomito autoindotto, l’abuso di lassativi o diuretici e l’esercizio fisico eccessivamente intenso delle bulimiche), o da una alimentazione scorretta ipercalorica (obesità).

Una patologia che appare in continuo aumento è il Disturbo da Alimentazione Incontrollata o BED (acronimo dell’inglese Binge Eating Disorder), disturbo caratterizzato da ricorrenti abbuffate non seguite da comportamenti di compensazione, ( la mancanza di vomito e lassativi è ciò che lo distingue dalla bulimia nervosa). Nella visione popolare questo modo di alimentarsi per abbuffate viene spesso confuso con l’obesità, ma in realtà tale disturb è più vicino ai disordini da dipendenza, una dipendenza, in questo caso, dall’abbuffata.

Come posso riconoscere se soffro di questo disturbo?

Mangi grandi quantità di cibo in un periodo circoscritto

٠ Non hai controllo durante l’episodio

٠ Mangi molto rapidamente

٠ Ti abbuffi in solitudine

Non compensi con il vomito, per cui tendi, con il passare dei mesi e degli anni, ad ingrassare fino ad essere obesa/o;

Ti vergogni e ti senti a disagio perché non riesci a controllare la tua alimentazione;

٠ Provi disgusto di te, depressione e colpa dopo l’abbuffata;

Il tuo comportamento alimentare incontrollato avviene, mediamente, due giorni alla settimana in un periodo di sei mesi.

Come mi sento?
• Triste e apatico/a;
• Ansioso/a;
• Mi sento solo/a;
• Non mi stimo;
• Sono insoddisfatta/o del mio corpo;
• Non mi sento capito/a;
• Le mie relazioni con gli altri sono problematiche;
• Mi sento a disagio quando sono in mezzo agli altri;
• Ho difficoltà a riconoscere e a gestire le mie emozioni.

Cosa posso fare?

Se sospetti di avere delle condotte alimentari problematiche e che ti creano molto disagio e preoccupazione, non vergognarti e rivolgiti il più presto possibile ad uno specialista che può aiutare a trovare insieme a te, il miglior modo possibile per risolverle e farti stare così meglio.
Ricorda che un intervento tempestivo può essere il metodo più efficace per evitare danni irreversibili sulla tua salute fisica e psichica.

C.P.