Chatta con noi

Parla con i nostri esperti. Vedi gli orari >>

i nostri servizi

Scopri i servizi a te dedicati >>

Le paure negli adolescenti

Le paure negli adolescenti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

eye-211610_640

Le mie paure sono normali o forse rappresentano un disagio che non riesco a cogliere, né ad esprimere in altro modo?

Una breve analisi della fobia cercando di rispondere a questo interrogativo che, spesso, è difficilmente esplicitabile.

Il termine fobia deriva dal greco φόβος, phóbos e significa letteralmente “panico, paura” infatti la fobia è una del tutto inappropriata, esagerata reazione di forte paura di fronte ad uno stimolo che può essere un oggetto, un animale o una situazione.

Secondo Rapaport e Ismond (1996, p. 202) “le fobie comportano uno stimolo specifico o un innesco che, quando viene incontrato, da inizio a una reazione ansiosa o un attacco di panico”.

Spesso le fobie iniziano sin dall’infanzia (in particolar modo la paura estrema di animali o oggetti o del buio) mentre le fobie “sociali” hanno un esordio più comune in adolescenza.

È importante sottolineare che la paura nel disturbo fobico è persistente,non va mai via.  Al contrario, momenti transitori in cui sono presenti delle paure, anche intense, provocate da determinati stimoli sono del tutto normali e possono far parte dello sviluppo sia del bambino che dell’adolescente.

La fobia, quando diventa un disturbo, deve avere innanzitutto una durata di almeno 6 mesi.

La persona che soffre di fobie riconosce razionalmente che la sua paura è inappropriata ed esagerata ma non riesce a non andare in ansia o in panico se posta di fronte alla situazione stimolo.

Chi soffre di fobie inizia ben presto ad evitare le situazioni che possono provocare quelle così intense e così spiacevoli sensazioni di terrore e avrà una sempre maggiore ansia anticipatoria ogni qual volta deve affrontare una situazione in cui può presentarsi lo stimolo “spaventante”.

Ad esempio Chiara una ragazza di 15 anni con fobia dei gatti ha sempre evitato case di amiche/amici se non era certa dell’assenza di felini in casa. Quando doveva recarsi dagli zii che avevano i gatti – e lei lo sapeva – pretendeva che gli animali fossero chiusi a chiave in una stanza altrimenti lei non riusciva a mettere piede in casa. Questo, spesso, provocava delle discussioni all’interno della famiglia e Chiara  si sentiva allo stesso tempo estremamente in colpa, per il condizionamento che arrecava agli altri,  e assolutamente non capita perché tutti cercavano di spiegarle che non succedeva niente (ma lei lo sapeva solo che non poteva farci nulla!) e molto arrabbiata.

Il disagio che si prova nella situazione specifica è talmente intenso che va ad interferire con il funzionamento della persona nei campi relazionale, scolastico o prestazionale.

La persona che soffre di fobie si sente incapace di gestire alcune situazioni e questo può compromettere la costruzione di una buona stima di sé.

Particolarmente complessa è la discriminazione tra situazioni di “normale” timidezza in adolescenza e situazioni in cui vi è una vera e propria ansia sociale, questo impedisce un intervento repentino e l’evitamento di una cronicizzazione della malattia.

Se una tua amica/o, tu o qualcuno a cui vuoi bene evita sempre una determinata situazione, quasi fuggendone, potrebbe avere un disturbo fobico. È, come sempre, importante intervenire al più presto.

Le paure, spesso tollerate nei bambini, diventano fonte di grande inadeguatezza in adolescenza e ancor più in età adulta con il rischio di compromettere l’ambito relazionale o la realizzazione professionale della persona che ne soffre.

Se hai dubbi non esitare a contattarci nel nostro spazio di chat con lo psicologo o a scriverci una mail all’indirizzo info@esplosivamente.it

I.G.

 

 

Ansia

Se immaginassimo un mondo senza paura, sarebbe senz’altro un mondo in assenza di vita poiché la paura, è quello stato di attivazione che permette a tutti gli esseri viventi di adoperarsi per proteggersi dal pericolo e dalla morte. L’ansia, figlia della paura, è uno stato di attivazione dell’organismo simile alla

Sopravvivere agli esami

Quante volte ci si trova sommersi dai libri e non c’è più spazio sulla scrivania. I libri sembrano animarsi, sembra abbiano delle voci che chiamano e che attivano un senso di colpa se non li si sfogliano. A volte si tenta di fuggire da essi ma ci si sente perseguitati,

Ansia Test

Leggi attentamente ciascuna delle 20 frasi elencate qui sotto: in che misura ciascuna di esse descrive come ti sei sentito nel corso di quest’ultima settimana? Ti sei sentito così “quasi mai o raramente”, “qualche volta”, “spesso”, “quasi sempre”? Per ogni frase fai una crocetta nella colonna che ti sembra la

Ansia

Se immaginassimo un mondo senza paura, sarebbe senz’altro un mondo in assenza di vita poiché la paura, è quello stato

Sopravvivere agli esami

Quante volte ci si trova sommersi dai libri e non c’è più spazio sulla scrivania. I libri sembrano animarsi, sembra

Ansia Test

Leggi attentamente ciascuna delle 20 frasi elencate qui sotto: in che misura ciascuna di esse descrive come ti sei sentito