Chatta con noi

Parla con i nostri esperti. Vedi gli orari >>

i nostri servizi

Scopri i servizi a te dedicati >>

…Ma quale mascherina!!!

…Ma quale mascherina!!!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Notizie di nuovi focolai, nuovi contagi…i numeri salgono nuovamente: non mi interessa!!

Mi fanno ridere tutti quelli che, con o senza mascheramenti, si tengono a distanza dagli altri fuggendo baci e abbracci come fossero sciagure.

Mi fanno ridere” pensavo, prima….prima che mio padre venisse ricoverato per covid-19.

Non so se sono stato io a passarglielo, ma non è più importante ormai. Ho passato giorni senza sapere come stesse mio padre e in questi giorni e notti ho pensato.

Ho pensato che è sempre stato difficile per me conformarmi alle regole e questa pandemia mi ha fatto scattare qualcosa che prima non avevo capito o non avevo il coraggio di dire: siamo fragili, SONO fragile.  La difficoltà di tenere a bada emozioni come la paura mi ha portato ad avere atteggiamenti rischiosi che volevano solo essere consolatori. Non rispettavo le regole e ridevo per sminuire, per allontanare quella paura che non sapevo neanche pensare, perché io ho bisogno di baci, di abbracci, IO più degli altri non posso farne proprio a meno.

E così evitavo di guardare in faccia la realtà, senza interrogarmi, senza riflettere che la mia ribellione, il mio disfunzionale tentativo di protezione, trascinava con me anche i miei cari e anche quelli che ancora cari non erano.

Oggi mio padre è tornato a casa con un distacco alla retina ed un’insufficienza polmonare, sto il più possibile con lui, ma prima di uscire non dimentico mai la mascherina e se incontro qualcuno non rido, ma sorrido con gli occhi e  non dimentico mai di salutarlo come si conviene… con tanto di gomito.

Francesco 18