Chatta con noi

Parla con i nostri esperti. Vedi gli orari >>

i nostri servizi

Scopri i servizi a te dedicati >>

Sonniferi e Ansiolitici: le Benzodiazepine

Sonniferi e Ansiolitici: le Benzodiazepine

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Che cosa sono?

Le benzodiazepine (BZD) sono un gruppo di farmaci, chiamati comunemente sonniferi, che appartengono alla classe dei tranquillanti minori, ansiolitici o ipnotici.
Questi farmaci sono generalmente prescritti dai medici per aiutare persone con problemi di sonno o ansia, ma esistono persone che li usano anche solo per “stare un po’ su”.
Esistono diversi tipi di benzodiazepine e sono tutti venduti con diversi nomi, anche se composte dallo stesso farmaco (i più noti sono: Tavor, Xanax, Rivotril, Valium, Ansiolin, En, Frontal, Lexotan, Prazene, Control, Lorans, ecc.).

L’unico “modo sicuro” di utilizzare le benzodiazepine è seguendo una prescrizione specialistica, tuttavia, se si sceglie di utilizzarle con uno scopo“ricreazionale”, è importante utilizzarle almeno con tutte le accortezze!

Che cosa fanno?

Generalmente le benzodiazepine favoriscono il relax ed il sonno ed aiutano a sentirsi meno ansiosi e gli effetti generalmente durano dalle tre alle sei ore.

Gli effetti delle benzodiazepine tuttavia possono variare da individuo ad individuo e possono dipendere anche da:

  • quantità (quante compresse/gocce hai preso)

  • mix (cosa hai assunto insieme: alcol, marijuana…)

  • umore (quale umore hai in quel preciso momento).

C’è il rischio di una dipendenza?

In poco tempo (qualche settimana con assunzione quotidiana) si può sviluppare una “tolleranza” alle benzodiazepine (con “ tolleranza” significa che dovrai prenderne di più per ottenere lo stesso effetto).

Con un’assunzione quotidiana e ripetuta nel tempo è possibile sviluppare anche una vera e propria dipendenza alle benzodiazepine (dovrai cioè continuare a prendere benzodiazepine per sentirti normale).

Se sei dipendente da benzodiazepine e improvvisamente smetti di prenderle, potresti avere una crisi di astinenza con i seguenti sintomi: insonnia, ansia, depressione, irrequietezza, dolori muscolari, spasmi muscolari e convulsioni.

Le benzodiazepine e la tua salute mentale

Il problema principale con le benzodiazepine è che vengono ricercate per placare ansia e preoccupazioni, ma quando si smette di prenderle può verificarsi un’ “ansia da rimbalzo” causa di insonnia e di sentimenti di panico.

Evita il peggio

Se hai intenzione di utilizzare le benzodiazepine senza un controllo medico, correrai il rischio di brutte conseguenze, ma potrai evitare il peggio seguendo i seguenti 6 punti:
•Utilizza la metà di una dose ed aspetta di vedere gli effetti su di te.
•Non mischiare le benzodiazepine con altre droghe o alcool – può aumentare il rischio di overdose!
• Utilizzale solo con persone di cui fidi. È meglio se qualcuno del tuo gruppo non le sta usando per tenerti sotto controllo.
• Non iniettare benzodiazepine – sono destinate ad essere ingerite in forma di compressa/gocce ( queste sostanze distruggono le vene in pochissimo tempo causando ascessi, infezioni, flebiti, cancrena, etc…).
• Evitale se il giorno dopo hai scuola o devi andare a lavorare.
• Se le cose vanno male, non aspettare, chiama subito un’ambulanza.

Ricorda che le benzodiazepine se assunte correttamente non uccidono a condizione di avere il cuore sano e di non associarle ad altri farmaci, droghe o all’alcol che ne potenzia e ne modifica gli effetti.

C.P.